a spasso.

(scroll down for the english translation)

questa mattina ero un po’ da solo non avevo cose da fare, che domani finiscono le mie vacanze e ricomincia la vita incasinata, mi son tirato su ho fatto un po’ di esercizio. tipo degli addominali, delle flessioni, che io sono due mesi che ho un maldischiena che non mi lascia mai, credo sia una roba di muscoli, e allora è meglio se provo a fare un po’ di movimento. son partito sono andato al lago morto ho lasciato lì la macchina e ho iniziato a farmi il giro del lago. solo che quasi subito all’inizio del giro ho pensato che potevo prendere a sinistra sul bivio e andare su per una strada sterrata molto in salita che porta a un borgo più in alto che si chiama caloniche di sotto. che sarà anche di sotto, ma sta in alto, arrivarci a piedi a passo veloce salendo per quella strada non è una roba da niente. poi sono andato dritto sono arrivato su in cima al fadalto. da lì ho preso la strada asfaltata per tornare al lago.
solo, fare la strada asfaltata con le macchine e le moto che ti passano vicino, alla prima strada sterrata che ho visto mi sono infilato dentro per andar giù verso il lago.

tutta questa dovizia di particolari è per far capire dove stavo a chi legge e che è qua della zona. per gli altri, sono andato a farmi una passeggiata, sono andato su, e poi son tornato giù, tutto qui.

dicevo, appena mi sono infilato in questa strada sterrata che abbandonava la strada asfaltata, da una casa di un borgo che c’era lì appena iniziata questa strada sterrata è spuntato fuori un cane. un lupo vecchio col pelo marrone. mi è venuto dietro, si è fermato per farsi dare una grattata sul muso e poi è partito davanti a me. è andato avanti un pezzetto e si è fermato per aspettarmi. continuava a girarsi per veder se lo seguivo. e io gli sono andato dietro. e lui avanti a trotterellare un pezzetto, sempre girandosi a guardarmi e poi si fermava ad aspettarmi. e io dietro. che tra l’altro questa strada sterrata io l’avevo presa a caso, non l’avevo mai fatta prima. immaginavo che riportasse verso il lago, che il lago era appunto lì sotto non molto lontano, ma stavo proprio andando a caso.

e questo lupo marrone avanti a me che andava avanti un pezzetto e poi mi aspettava. ad un certo punto c’era un bivio, che da questa strada sterrata partiva sulla destra un altro sentiero più piccolo in discesa. mi ha aspettato al bivio e quando l’ho raggiunto è ripartito per questo sentiero. e io dietro. e a quel punto avevo anche iniziato a parlargli. quando si allontanava un po’ di più gli dicevo oh aspettami. e adesso da che parte? vai vai ci sono vai pure avanti. così.

e avremo camminato tre quarti d’ora alla fine siamo effettivamente arrivati al lago morto, sulla sponda a nord, dove c’è un altro borgo piccolo. lo abbiamo attraversato, da una casa è spuntato fuori un ragazzo mi ha chiesto è suo quel cane?

no. ma mi sta chiedendo di seguirlo da un pezzo, avremo fatto quattro chilometri ormai, son curioso di veder dove mi porta.

e poi in effetti siamo arrivati dall’altra parte del lago, quella più frequentata dalla gente, che c’è anche un chiosco. e io avevo questo lupo marrone che mi precedeva e girava intorno. al chiosco ho preso un panino e una birra, mi ero portato dietro anche un libro da leggere, un libro piccolo che sta in tasca, mi son seduto un po’ in disparte a leggere una trentina di pagine del libro e questo lupo si è sdraiato sui miei piedi. e siam stati lì un’altra mezzoretta insieme. io a leggere a bere una birra e mangiare mezzo panino e guardare il lago, il lupo a dormirmi un po’ sui piedi a mangiare mezzo panino e a guardare il lago.

e dopo dovevo andare via gli ho detto ciao lupo, grazie per la passeggiata. lui mi ha guardato si è messo un po’ in parte sul prato, ha fatto la cacca e se ne è andato via.

this morning I was a bit alone I didn’t have things to do, tomorrow my holidays end and the messed up life starts again, I got myself up I did some exercise. like abs, push-ups, that I’ve had a backache for two months that never leaves me, I think it’s muscle stuff, so it’s better if I try to get some movement. i went to a lake we have in the neraby, it’s called lago morto, dead lake. i left the car there and started walking around the lake. at the beginning of the tour I thought I could go left at the crossroads and go up a very uphill dirt road that leads to a village further up called caloniche di sotto. then I went straight and I reached the top of the fadalto. from there I took the paved road to return to the lake.
just take the paved road with the cars and motorbikes that pass you by, at the first dirt road I saw, I slipped inside to go down towards the lake.

all this abundance of details is to make the reader understand where I was and who is here in the area. for the others, I went for a walk, went up, then came back down, that’s all.

I was saying, as soon as I slipped onto this dirt road leaving the paved road, a dog popped out of a house in a village that was there at the beginning of this dirt road. an old wolf with brown fur. he came after me, he stopped to get a scratch on the muzzle and then started off in front of me. he went ahead a bit and stopped to wait for me. he kept turning to see if I was following him. and I went after him. he trotted on for a bit, always turning to look at me and then stopping to wait for me. and I was behind this dog. among other things, I had taken this dirt road at random, I had never done it before. I imagined that it led back to the lake, that the lake was just down there not very far away, but I was just going randomly.

and this brown wolf was ahead of me, going on a little bit and then waiting for me. at a certain point there was a crossroads, which from this dirt road led to another smaller downhill path on the right. he waited for me at the crossroads and when I reached him he set off again along this path. and I behind. and by then I had even started talking to him. when he moved away a little further i would say oh wait for me. and now which way? go go, don’t worry here I am. like this.

and after three quarters of an hour walking, in the end we actually arrived at the dead lake, on the north bank, where there is another small village. we crossed it, a boy popped up from a house and asked me is that dog yours?

no. but he’s been asking me to follow him for some time, we have covered four kilometers by now, I’m curious to see where he takes me.

and then we actually arrived on the other side of the lake, the one most frequented by people, which also has a kiosk. and I had this brown wolf that preceded me and circled around. I grabbed a sandwich and a beer at the kiosk, I also brought a book with me to read, a small book that fits in my pocket, I sat on the sidelines to read about thirty pages of the book with this wolf laying down on my feet. and we were there another half hour together. me reading drinking a beer and eating half a sandwich and looking at the lake, the wolf sleeping on my feet eating half a sandwich and looking at the lake.

and after i had to leave i said hello wolf thanks for the walk. he looked at me, placed himself on the grass, pooped and went away.

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: